Le vene varicose nelle gambe sono trattate?

Le vene varicose sono una malattia abbastanza comune, soprattutto tra le donne, in cui le vene degli arti inferiori sono interrotte. Ciò è dovuto al fatto che le valvole venose sono interessate: si tratta di una sorta di lembi che regolano il riflusso del sangue dalle gambe. Normalmente, le valvole dovrebbero chiudersi e aprirsi in base al flusso sanguigno.

Con le vene varicose, difficilmente si chiudono, motivo per cui si sviluppa ristagno di sangue nelle vene degli arti inferiori. Naturalmente, una grande quantità di sangue accumulato nelle vene porta allo stiramento delle loro pareti, a una diminuzione dell'elasticità e talvolta persino a danni. Di conseguenza, con la progressione del processo, sulla pelle compaiono manifestazioni caratteristiche.

All'inizio, queste sono solo vene del ragno, asterischi, poi compaiono tubercoli dalle vene tese di colore blu e viola, le gambe si gonfiano, la pelle inizia a staccarsi, il dolore costante agli arti inferiori dà fastidio. Pertanto, è molto importante riconoscere la malattia nella fase iniziale e iniziare il trattamento in tempo.

Le ragioni dello sviluppo della malattia

Le vene varicose possono svilupparsi sotto l'influenza di molti fattori esterni. Ovviamente tutto dipende anche dallo stile di vita della persona. Tuttavia, ci sono una serie di fattori di rischio predisponenti che aumentano la probabilità di vene varicose.

Tali fattori sono predisposizione ereditaria, squilibrio ormonale, malattie del sistema nervoso, uno stile di vita inattivo, sovraccarico fisico, piedi piatti, scarpe col tacco alto.

Predisposizione ereditaria. Sfortunatamente, se i parenti stretti soffrivano di questa malattia, allora c'è la possibilità che ti venga trasmessa, così spesso ciò è dovuto alla debolezza ereditaria del tessuto connettivo o ad un difetto delle valvole venose. In questo caso, assicurati di ricordare la prevenzione delle vene varicose.

Squilibrio ormonale. Le fluttuazioni costanti dei livelli ormonali sono più comuni nelle donne e quindi, secondo le statistiche, sono più inclini alle vene varicose. Simili fluttuazioni si osservano durante l'intero ciclo mestruale, durante la gravidanza e con l'inizio della menopausa. Anche l'assunzione di farmaci ormonali (ad esempio contraccettivi) influisce. Gli ormoni femminili influenzano in modo significativo l'elasticità delle pareti dei vasi.

Malattie del sistema nervoso, stress frequente, condizioni depressive. È noto che è il sistema nervoso che regola il tono venoso. Pertanto, eventuali patologie ad esso associate possono influenzare la condizione delle vene;

Processi infiammatori nella piccola pelvi. È più probabile che infastidiscano il sesso femminile. A causa di loro, i livelli ormonali possono essere significativamente alterati.

Stile di vita sedentario. A causa della seduta prolungata al computer, ad esempio, le vene delle gambe vengono pizzicate, il flusso di sangue da esse viene disturbato. A causa del ristagno di sangue, le pareti vascolari si allungano e si assottigliano. Oggi si distinguono anche le "vene varicose del computer", così spesso ha cominciato a verificarsi.

Sovraccarichi fisici. Anche un'attività fisica eccessiva non influisce su nulla di buono sui vasi. Sollevare pesi, camminare costantemente aumenta il carico sulle gambe e, di conseguenza, sulle vene.

Piedi piatti. In un modo o nell'altro, questa è una deformazione del piede e ha anche un certo effetto sui vasi degli arti inferiori.

Costituzione. Le persone obese e soprattutto le persone alte sono molto suscettibili alle vene varicose in futuro.

Indossare tacchi alti - ancora una volta, è pericoloso per le donne, poiché quando si cammina su tacchi alti e non molto comodi, il carico sugli arti inferiori aumenta enormemente.

Manifestazioni cliniche delle vene varicose

I sintomi compaiono gradualmente ma progrediscono costantemente, soprattutto se non trattati adeguatamente. Tutto inizia con la comparsa di piccole reti vascolari e asterischi sulle gambe, le cosiddette teleangectasie. Non causano molto disagio, ma anche con queste manifestazioni è necessario chiedere il parere di un medico.

In futuro, il gonfiore alle gambe inizia a disturbare, che appare dopo una lunga passeggiata e più spesso la sera. Al mattino passano da soli. Questo è il primo segnale che la funzione delle vene profonde che restituiscono il sangue al cuore è compromessa.

Con il tempo, i pazienti iniziano a lamentarsi di crampi alle gambe, intorpidimento, in particolare di notte e al mattino. Se in queste fasi il trattamento non è stato avviato, sulla pelle appariranno noduli venosi, le vene saranno visibili, bluastre o anche più vicine al colore viola, saranno dolorose alla palpazione. La pelle degli arti inferiori inizierà a cambiare gradualmente. Diventerà denso al tatto, secco, desquamato e scurente. Quando si cammina, un forte dolore ai muscoli disturberà.

Si avvertirà un forte prurito ai nodi venosi. Possono anche verificarsi contrazioni involontarie dei muscoli del polpaccio durante la notte.

Diagnosi e complicanze delle vene varicose

come si manifestano le vene varicose

È necessario diagnosticare la malattia il prima possibile. Ma tutto dipende da quando il paziente va in ospedale.

Durante la diagnosi, si basano su reclami, manifestazioni esterne sulle gambe, sullo stile di vita del paziente, sulle sue cattive abitudini, sul fisico, sulla presenza di vene varicose in genitori, fratelli, sorelle.

Ulteriori metodi di esame strumentale sono prescritti per confermare la diagnosi.

Questi metodi sono:

  1. Ecografia venosa (ultrasuoni) - nota anche come vene Doppler degli arti inferiori. Permette di valutare la struttura delle vene, la loro pervietà, la velocità e la direzione del flusso sanguigno, la presenza di formazioni trombotiche, la vasodilatazione, la presenza di eventuali tumori.
  2. Venografia a contrasto o flebografia: viene eseguita iniettando un mezzo di contrasto nei vasi. La sua distribuzione mostra la pervietà delle vene, lo stato delle pareti, la presenza di formazioni volumetriche nei lumi vascolari.

L'ecografia è considerata più preferibile, poiché è un metodo di ricerca non invasivo.

In assenza di un trattamento adeguato, le vene varicose possono portare a una serie di complicazioni.

Questi includono:

  • tromboflebite - infiammazione delle vene dilatate e deformate;
  • sanguinamento dovuto alla rottura delle pareti vascolari assottigliate;
  • cambiamento nelle proprietà reologiche del sangue, che porta alla formazione di coaguli di sangue, che a loro volta possono portare a embolia polmonare, infarto miocardico e ictus;
  • pigmentazione della pelle eccessiva.

Ulcere trofiche: possono comparire alla minima lesione o danno alla pelle a causa di un deflusso di sangue costantemente disturbato. Di conseguenza, le ulcere non guariscono per molto tempo, fanno male terribilmente e hanno un odore sgradevole.

Tutto ciò compromette in modo significativo la qualità della vita dei pazienti e può persino renderli disabili.

I principali metodi di trattamento delle vene varicose

la scleroterapia come metodo per trattare le vene varicose sulle gambe

Sfortunatamente, le vene varicose sono una malattia cronica e non esistono metodi per curarla completamente. Tuttavia, la medicina ha trovato i mezzi per prevenire almeno la progressione della malattia.

Il trattamento dipende direttamente dallo stadio delle vene varicose. Se queste sono solo manifestazioni iniziali, allora puoi fare a meno degli interventi chirurgici, cioè solo con metodi conservativi.

Farmaco: include farmaci che aumentano il tono delle vene (venotonici), anticoagulanti per prevenire la formazione di coaguli di sangue, farmaci antinfiammatori non steroidei (analgesici), angioprotettori, nonché tutti i tipi di creme, unguenti e gel per la pelle delle gambe.

Metodi di compressione: prevedono l'uso di calze a compressione, bende di bende elastiche per mantenere il tono.

Il massaggio pneumatico è un massaggio speciale che viene eseguito utilizzando un massaggiatore pneumatico. È molto efficace, poiché migliora la circolazione sanguigna, la nutrizione dei tessuti e aumenta il tono vascolare.

La scleroterapia è già un metodo estremo. Viene eseguito senza manipolazioni operative. Per l'indurimento, cioè il collasso della nave, viene iniettata una sostanza speciale, che interrompe il flusso sanguigno nella nave, a seguito della quale si atrofizza nel tempo, non funziona e scompare. Tuttavia, possono essere necessarie diverse sessioni di scleroterapia per ottenere l'effetto desiderato.

La coagulazione laser intravascolare è già un metodo di trattamento invasivo. Allo stesso tempo, usando un laser, i chirurghi coagulano le vene danneggiate in anestesia locale.

Le sanguisughe sono un metodo un po 'obsoleto, ma ancora funzionante. Appartiene alla medicina tradizionale. Quando la sanguisuga viene applicata, morde la pelle e quando viene aspirata, una sostanza chiamata irudina viene rilasciata nel sangue. Assottiglia il sangue e previene la formazione di coaguli di sangue.

Dieta: nella dieta dei pazienti che soffrono di vene varicose, dovrebbe esserci una grande quantità di frutta e verdura in qualsiasi forma, frutti di mare, legumi, noci, carni magre e latticini.

Tra i metodi di trattamento non convenzionali, la preferenza è data agli impacchi di aceto di mele, sapone e patate, lozioni e bagni di soda, l'uso di tintura di ginseng.

Fondamenti di prevenzione delle vene varicose

come trattare le vene varicose

Molte persone si chiedono se sia possibile curare completamente le vene varicose? La risposta è no. Tuttavia, puoi seguire alcune misure preventive per prevenire il verificarsi della malattia.

In particolare, è uno stile di vita attivo, sbarazzarsi di chili in più, ginnastica costante per gli arti inferiori, uso di biancheria intima compressiva.

Se la malattia è già comparsa, è necessario evitare l'uso di farmaci contraccettivi ormonali (contengono ormoni femminili che possono aggravare il decorso della malattia).

Inoltre, dovresti evitare:

  1. Usa qualsiasi scarpa con i tacchi alti, poiché aumenta lo stress sui piedi.
  2. Aumento del peso corporeo e, ancora di più, obesità.
  3. La presenza nella dieta di grassi, piccanti, fritti, affumicati e salati.
  4. Sollevamento pesi.
  5. Mentire a lungo in un bagno caldo.
  6. Visite di bagni e saune.
  7. Abuso di alcol, fumo di tabacco.
  8. Automedicazione senza consultare un medico.

Inoltre, coloro che devono rimanere a lungo in posizione seduta o in piedi dovrebbero tener conto che:

  • durante una lunga permanenza in piedi non farà male alzarsi in punta di piedi e cadere sui talloni, spostarsi da un piede all'altro e muovere energicamente le dita per disperdere il sangue accumulato;
  • durante il lavoro a lungo termine in ufficio davanti al computer, puoi periodicamente mettere i piedi sul tavolo, in modo che il sangue scorra meglio dalle gambe;
  • puoi acquistare un piedistallo speciale, sul quale sarà molto comodo fare qualsiasi tipo di ginnastica;
  • è molto utile alzare e abbassare periodicamente le dita, questo tonifica i muscoli del polpaccio e attiva il flusso sanguigno nelle vene.

Assicurati di alzarti ogni ora, cammina per qualche minuto e fai un po 'di esercizio.