Vene varicose sulle gambe

Le vene varicose sono facilmente identificabili dalle caratteristiche vene sporgenti, generalmente ben visibili nei muscoli del polpaccio o sotto le articolazioni del ginocchio. Inoltre, con questa malattia, la stragrande maggioranza dei pazienti presenta edema, prurito, dolore e fastidio alle gambe. Molto spesso le donne dai 30 anni in su soffrono di vene varicose sulle gambe e all'età di 60 anni si manifesta in un modo o nell'altro in quasi la metà di esse. Ma se le vene varicose sono così facilmente identificabili, perché è così difficile prevenirne lo sviluppo?

Cause delle vene varicose

cause delle vene varicose

Mentre scorre verso le gambe, il sangue deve risalire, vincendo la gravità. Per renderlo possibile, ci sono valvole nelle vene che consentono al sangue di fluire in una sola direzione. Ad ogni impulso del cuore, si muove verso l'alto nei vasi e durante le piccole pause tra i battiti cardiaci, le valvole venose ne impediscono il movimento inverso. Ma se le vene sono dilatate, non possono fornire una chiusura sufficiente delle valvole e quindi si forma uno spazio tra la parete del vaso e la valvola. Per questo motivo, la normale circolazione sanguigna nei vasi viene interrotta, il che ne provoca l'espansione. Ci sono diversi fattori che possono innescare lo sviluppo della malattia, ma tutti funzionano più spesso a causa di una predisposizione ereditaria. Se non esiste una propensione genetica per le vene varicose, è improbabile che anche i vasi più deboli subiscano deformazioni, a meno che non ci siano ragioni definitive per questo.

Cosa può causare le vene varicose:

  • Spostamento di carichi pesanti;
  • Lavoro sedentario (autista o ufficio);
  • Stile di vita inattivo;
  • Sovrappeso;
  • Tacchi alti scomodi.

Se uno o più dei fattori elencati sono presenti nella vita di una persona, questa cade automaticamente in un gruppo a rischio e una predisposizione genetica accelera lo sviluppo della malattia. Pertanto, se qualcuno nella tua famiglia ha sofferto di vene varicose, è meglio andare sul sicuro e consultare regolarmente un chirurgo o uno specialista in vene. Ciò contribuirà a rilevare le vene varicose sottili su sintomi minori e prevenire lo sviluppo della malattia.

Sintomi delle vene varicose

Nelle fasi iniziali, i sintomi delle vene varicose non vengono rilevati dall'ispezione visiva. Il paziente può lamentare pesantezza alle gambe, dolore e talvolta prurito. Molto spesso, il paziente cerca di far fronte a tali sintomi da solo e non cerca aiuto medico, il che può complicare l'ulteriore decorso della malattia. Nella fase successiva compaiono le caratteristiche "stelle" sulle gambe e il prurito, il gonfiore e la stanchezza delle gambe si intensificano, soprattutto la sera. Se ignori i sintomi iniziali, la situazione peggiorerà nel tempo ei segni delle vene varicose diventeranno più pronunciati. Più avanti sulle gambe, sono già visibili vene con noduli bluastri, che aumentano con lo sforzo fisico. Da questo punto in poi, possono formarsi coaguli di sangue, che possono essere considerati come complicanze delle vene varicose.

Molto spesso si presta attenzione alle condizioni delle gambe quando mostrano già evidenti sintomi di vene varicose:

  • Vene blu o viola che sporgono sul retro della parte inferiore della gamba;
  • Dolore ricorrente ai polpacci, prurito e sensazione di bruciore;
  • Crampi ai muscoli del polpaccio;
  • Lesioni ulcerative sulla pelle delle gambe nella parte inferiore della gamba.

Se il trattamento non viene iniziato in tempo e la malattia progredisce, possono comparire ulcere trofiche e cambiamenti nella pelle delle gambe. Si scurisce con macchie marroni e può sviluppare ulcere nel tempo.

Inoltre, i segni delle vene varicose si accompagnano a gonfiore pomeridiano, aumentando prurito e dolori doloranti anche con un minimo stress alle gambe. E dopo diverse ore trascorse con scarpe col tacco alto, soprattutto se dovevi stare in piedi o camminare a lungo, la sera le tue gambe iniziano a torcersi e tirare forte, e senti anche una stanchezza costante, vuoi dare pace alle tue gambe. L'ulteriore decorso delle vene varicose può essere accompagnato da eczema. Le vene si feriscono facilmente e se gli arti inferiori sono feriti, si osserva un sanguinamento abbondante.

Trattamento delle vene varicose

trattamento delle vene varicose

È impossibile sbarazzarsi delle vene varicose con metodi di trattamento conservativi. Compresse e gel speciali progettati per tonificare le pareti dei vasi sanguigni possono solo fermare l'ulteriore espansione delle vene e alleviare gonfiore e prurito, ma non saranno in grado di ripristinare lo stato originale delle vene.

Lo stesso si può dire degli unguenti rinfrescanti, che possono agire sulle vene dilatate solo come agente riducente, senza alterarne i cambiamenti strutturali.

Le vene varicose vengono trattate chirurgicamente, quando viene rimossa una parte di una vena o con altre procedure. Piccoli vasi chiamati asterischi possono essere rimossi con una procedura di scleroterapia. Attraverso una normale siringa, una composizione viene iniettata nel vaso, che "incollerà" le pareti venose. Questa è una procedura semplice che richiede solo 5-15 minuti senza alleviare il dolore. Lesioni più grandi vengono sigillate dalla coagulazione laser, quando, sotto l'azione della radiazione laser, le cellule del sangue vengono riscaldate e "saldate" i vasi danneggiati. Questa operazione viene eseguita in anestesia locale.

Cosa si può fare per alleviare la condizione

Poiché il problema è che è difficile che il sangue defluisca dagli arti, ci sono diverse cose che puoi fare per alleviare il dolore alle gambe. Prova a sdraiarti con i piedi su una posizione elevata, come lo schienale di un divano, o con un cuscino sotto i piedi. In questa posizione, la circolazione sanguigna sarà più attiva, ci sarà un deflusso di sangue dagli arti e la tensione nelle vene sarà alleviata.

Quando ti fanno male i piedi, puoi usare un metodo molto semplice ma efficace: pediluvi freddi. L'acqua fredda restringerà i vasi sanguigni, consentendo alle valvole venose di funzionare meglio e aumentare il flusso di sangue dalle gambe. Grazie a questo, il gonfiore verrà rimosso, il prurito si fermerà e il dolore diminuirà. Regala un leggero massaggio tonico alla tibia che non coinvolga le vene. I movimenti del massaggio faranno contrarre i muscoli delle vene, comprimendoli e stimolando il flusso sanguigno.

Cose che puoi fare per prevenire il dolore alle gambe:

  • Indossare calze a compressione, soprattutto per le donne incinte negli ultimi mesi di gravidanza.
  • Fai semplici esercizi per tonificare i muscoli delle gambe;
  • Fai delle passeggiate, poiché quando cammini, il sangue scorre meglio attraverso i vasi;
  • Indossa scarpe comode, piatte o con i tacchi bassi.

Prevenzione delle vene varicose

metodi per prevenire le vene varicose

Il tipo più efficace di prevenzione per le vene varicose è eliminare le cause che contribuiscono allo sviluppo della malattia.

La perdita di peso è una misura importante per prevenire lo sviluppo delle vene varicose. Se la tua famiglia ha una predisposizione a questa malattia, cerca di rimanere in buona forma fisica in modo che le tue gambe non siano sovraccariche di chili in più. L'esercizio fisico non è controindicato per le vene varicose di 2 ° e 3 ° grado. Al contrario, possono prevenire l'insorgenza di alcuni sintomi, come prurito, irritazione e arrossamento associati alla congestione venosa.

Per alleggerire il carico, puoi allenarti in maglieria speciale. E nelle fasi successive della malattia, quando possono verificarsi cambiamenti trofici, l'esercizio nel fitness club dovrà essere abbandonato ed è improbabile che il paziente stesso sia in grado di sopportare l'attività fisica sulle gambe.

Se inizi a sentire fastidio alle gambe associato alla tua occupazione, prova a cambiare lavoro o ad organizzarlo in modo tale da non poter stare in piedi tutto il tempo, fare pause regolari e alzarti dal tavolo più spesso per camminare. x / p>